AROMATICHE

MENTA
MENTHA GLACIALE O ROTUNDIFOLIA

Caratteristiche specie

Il genere Mentha appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e comprende piante originarie dell'Europa, la cui coltivazione iniziò alla fine del XVIII secolo in Inghilterra e da lì si diffuse negli altri Continenti, tanto che l'America è diventata la maggior produttrice di olio di Menta a livello mondiale.  
E' un genere polimorfo, cioè l'aspetto varia molto a seconda della specie. Il fusto ha una lunghezza variabile da 20 cm. fino a un metro e può avere una colorazione che va dal verde al violetto, molto ramificato. Ci sono dalle 15 alle 30 specie di Mentha in quanto ha una estrema facilità di ibridazione tra le diverse varietà. 

Richiedi Info >

PARTICOLARITÀ


PIANTA: La Menta Glaciale o Rotundifolia è una erbacea perenne stolonifera della famiglia delle  Labiate. Si sviluppa in forma cespugliosa e può raggiungere da 20 a 80 cm. di altezza. Cresce in tutta Europa. 

FIORI: I suoi fiori sono lunghe spighe strette, appuntite di color bianco o porpora. La Mentha Rotundifolia è caratterizzata da un'infiorescenza a spiga o a spicastro.

FOGLIE: Le foglie sono rotondeggianti di un colore verde acceso, spesse, rugose e vellutate. Il fusto è a sezione quadrata. Il suo profumo intenso e dolciastro non permette un largo uso in cucina .

USO: Si usa limitatamente per le bevande in genere, in particolare aromatizza piacevolmente il tè. La Menta Glaciale ha proprietà antibatteriche, balsamiche bronchiali ed  espettoranti .

INFO GENERALI

CLIMA: E' una pianta che vive bene in diversi climi anche se è più frequente dove la primavera è fredda e umida e l'estate calda e asciutta. Quindi può crescere sia in pieno sole che in zone ombreggiate.

TERRENO: Il terreno deve essere fertile, ricco di humus, poroso e ben drenante perchè è una pianta che soffre i ristagni idrici. Evitare i terreni argillosi o pesanti. E' consigliato ogni 2-3 anni rinnovare il terriccio, per averlo sempre ricco di sostanze organiche. Consigliato l'uso di vasi di terracotta che permettono al terreno di respirare. 

IRRIGAZIONE: Durante il periodo estivo annaffiare periodicamente e generosamente. 

CONCIMAZIONE: Si richiedere una concimazione ricca di Potassio, Fosforo e Azoto che facilitano lo sviluppo delle foglie e di oli essenziali. 

POTATURA: Togliere le parti secche o danneggiate. 

PROPAGAZIONE: I semi della Menta hanno una bassissima germinabilità e quindi la pianta viene moltiplicata per talea di apici vegetativi. Oppure nella pianta di almeno un anno di età, in primavera, si prelevano degli stoloni  e si piantano, a una profondità di 10-15 cm, nel terreno o in vaso.  

MALATTIE E INSETTI: La pianta della Menta è facilmente attaccata da funghi parassiti (Puccinia menthae): quando gli steli e le foglie si riempiono di rigonfiamenti e puntini rossastri che poi si evolvono in macchioline nerastre, le piante infette vanno eliminate e bruciate. Anche l'Oidio attacca la pianta, particolarmente durante i periodi di siccità. Viene, inoltre, attaccata dalle lumache che ne sono ghiotte.


NOTA: Le proprietà aromatiche sono date dai suoi oli essenziali presenti in maggior quantità nelle foglie. La loro raccolta avviene tutto l'anno anche se durante il mese di agosto, nel pieno della fioritura, hanno il maggior contenuto di oli essenziali e di mentolo. 
In cucina è usata come pianta aromatica, ma non la Mentha piperita che ha un aroma troppo marcato.
Si usa aggiunta a patate novelle, piselli, minestre, stufati, macedonia, bibite e punch. 
In medicina l'infuso di Menta è digestivo, cura raffreddori ed influenze. Con un composto di foglie lasciate macerare in olio, si massaggia le parti colpite da emicrania, nevralgie facciali, dolori reumatici e muscolari. Sciacqui a base di Menta alleviano il mal di gola. 

CURIOSITÀ': E' una pianta nota fin dai tempi più antichi: secondo la mitologia greca Menta o Mintha era una ninfa amata da Ade, dio degli Inferi. Persefone, moglie di Ade, per gelosia la trasformò in un'erba, ma le diede l'aroma che le è tipico, per ricompensarla della trasformazione alla quale l'aveva assoggettata.