AROMATICHE

ANICE
ILLICIUM VERUM O ANICE STELLATO

Caratteristiche specie

Sotto il generico nome di Anice si raggruppano piante differenti, che non hanno in realtà parentele botaniche. Le piante sono accomunate dall'aroma dei loro semi o frutti, praticamente identico. Si suppone siano tutte arrivate dall'Oriente in tempi remoti. Ne vengono utilizzati i semi o i piccoli frutti, essiccati ed, eventualmente, pestati.

Richiedi Info >

PARTICOLARITÀ

L'Anice Stellato (Illicium verum) è una delle 40 specie di arbusti e alberi sempreverdi aromatici originari dei boschi dell'Asia sudorientale.

Pianta: Appartiene alla famiglia delle Illiciaceae, specie angiosperma dicotiledone. È un albero tropicale sempreverde, alto tra i 5-10 m.

Fiore: I fiori sono grandi e molto caratteristici di grande valore decorativo. La loro caratteristica è che ciascun ovario ha otto carpelli che insieme vanno a formare il frutto a forma di stella (da qui il nome di "Anice stellato") a otto punte che a maturità si apre lasciando fuoriuscire il seme.

Foglia: 
Persistenti, spesse, alterne o quasi verticillate, ovali,  lucide che ricordano quelle della magnolia.

Frutti: 
I frutti (chiamati impropriamente semi)  vengono raccolti ancora verdi e fatti essiccare al sole diventando di colore bruno-rossastro.

Usi: Come pianta aromatica è molto utilizzata nella cucina orientale per insaporire particolarmente i piatti a base di carne. In occidente si utilizza come aroma per i dolci e per la produzione di liquori (l'Anisetta). Insieme ai semi di finocchio, chiodo di garofano, cannella e pepe viene considerata come una delle "Cinque spezie cinesi", per il suo gusto forte e sapore piccante.
I semi vengono distillati a vapore per estrarre gli oli essenziali dall'aroma caratteristico.
In cucina si usano sia i semi che l'essenza per aromatizzare i cibi.

Avvertenze:  Nel utilizzo di questa aromatica si deve far molta attenzione giacché esiste una varietà molto simile che è una pianta tossica, si tratta dell'Illicium Religiosum Sieb, conosciuta come "Anice Giapponese" o "Anice Stellato Bastardo" o "Shikimi". Questa pianta appartiene alla famiglia delle Magnoliaceae ed è originaria del Giappone. I semi o frutti sono molto simili a quelli del Anice Stellato solo leggermente piu piccoli, hanno una forma più arrotondata e presentano un piccolo uncino. 

INFO GENERALI

CLIMA: L'Anice necessita di posizioni molto soleggiate per crescere al meglio, ama i luoghi caldi e preferisce zone con estati lunghe e molto calde. Ove la temperatura scende sotto i -5°C coltivare in serra fredda, in piena luce/sole. All'aperto è preferibile invece in pieno sole. Riparare dai venti freddi e asciutti. 

TERRENO: L'Anice gradisce terreni ricchi, fertili sicuramente molto ben drenati, e asciutti. 

IRRIGAZIONE: Solitamente si accontenta delle piogge, poiché preferisce la siccità al terreno bagnato. Nel caso di lunghi periodi siccitosi o di piantine poste a dimora in contenitori piccoli è consigliabile annaffiare la pianta saltuariamente, qualora mostrasse chiari segni di deperimento.

CONCIMAZIONE: Somministrare in primavera fertilizzanti a lenta cessione di durata 4-6 mesi. Ripetere in autunno. 

POTATURA: Si interviene con diradamento qualora ci sia un'effessiva fittezza delle piante. 

PROPAGAZIONE: La moltiplicazione avviene per seme, in febbraio-marzo in semenzaio in luogo protetto, oppure in aprile direttamente a dimora. Non sono ben tollerati i trapianti. 

MALATTIE E PARASSITI: Nessuno. 

NOTA: La sua fama è antica: già Plinio si dice la coltivasse in Toscana al tempo dei romani. Nel Medioevo venne introdotta e coltivata anche nell'Europa centrale. Adesso la sua fama è dovuta all'utilizzo nell'industria dolciaria e dei liquori.