AROMATICHE

ASSENZIO
ARTEMISIA ABSINTHIUM

Caratteristiche specie

L'Assenzio (Artemisia) è della famiglia delle Asteraceae/Compositae di cui fanno parte circa 300 specie di arbusti perenni e annuali, sempreverdi e decidui, presenti nei campi asciutti, nelle praterie e nelle boscaglie dell'emisfero settentrionale. Alcune sono originarie del SudAfrica e del SudAmerica Occidentale. 

Richiedi Info >

PARTICOLARITÀ

L'Artemisia Absinthium  chiamato Assenzio Maggiore  è una piccola erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae. È una pianta medicinale nota soprattutto per il suo impiego nella preparazione del distillato d'assenzio, aromatico e molto amaro che si beve diluito o zuccherato. È la base aromatica principale nella preparazione del vermouth.

Pianta: Erbacea perenne di aspetto arbustivo che raggiunge da 40 a 120 cm di altezza. E' una pianta decidua in quanto le porzioni erbacee seccano annualmente e rimangono in vita soltanto le parti legnose.

Fiore: I fiori sono attinomorfi, tetra-ciclici (formati cioè da 4 verticilli: calice – corolla – androceo – gineceo) e pentameri (calice e corolla formati da 5 elementi).

Foglia:  Le foglie dal colore verde, reso però grigiastro (o anche bianco-tomentoso) dalla presenza di una peluria bianca che le ricopre (peli a navetta), emanano un profumo piuttosto forte ed hanno un sapore amaro. La disposizione delle foglie lungo il fusto è alterna. Il picciolo è privo di orecchiette. In genere le foglie dei fusti sterili sono picciolate, mentre le foglie dei fusti fiorali sono sessili e progressivamente ridotte. Dimensioni delle foglie: larghezza 1 – 4 cm; lunghezza 3 – 8 cm. Queste foglie sono decidue. Lunghezza del picciolo: 5 – 10 cm. Larghezza delle lacinie: 3 – 4 mm.

Maturazione: La raccolta delle foglioline terminali e delle estremità fiorite, per scopi medicinali e alimentari, avviene fra luglio e settembre.





INFO GENERALI

CLIMA: Sono piante rustiche, resistenti a gelate poco intense e prediligono luoghi in pieno sole. 

TERRENO: Coltivare in un terreno fertile, ben drenato, soprattutto le specie alpine.Alcune, come l'A. glacialis, prosperano sui ghiaioni e nelle fenditure.La maggior parte delle specie sui terreni pesanti poco drenati vanno a riposo e non vivono a lungo. 

IRRIGAZIONE: Quando il terreno è asciutto da alcuni giorni, si consiglia di annaffiare la pianta di Assenzio con 2-3 bicchieri di acqua. Si intensifica l'annaffiatura quanto il clima è molto caldo e asciutto, avendo l'accortezza di non lasciare il substrato intriso di acqua. 

CONCIMAZIONE: In primavera concimare regolarmente, ogni 15 giorni, utilizzando un concime azotato. Quattro volte all'anno si può usare una concime a lenta cessione. 

POTATURA: Durante il periodo autunnale potare le perenni alla base; se necessario potare decisamente le specie arbustive e le cultivar in primavera per mantenerne il portamento compatto. 

PROPAGAZIONE: Seminare in vasi in cassone freddo in autunno o in primavera. Dividere in autunno o in primavera. Far radicare talee erbacee o talee con tallone di getti laterali a inizio estate. L'A. Powis Castle a volte soccombe negli inverni rigidi. Propagarla regolarmente mediante talee. 

MALATTIE E PARASSITI: A. Absinthium e l'A. Powis Castle sono soggette ad afidi e galle; l'A.Lactiflora all'oidio nei climi asciutti. 

NOTA:  I germogli freschi sono adatti a respingere gli insetti (pulci e tarme) e topi, mentre un infuso della pianta fa allontanare le lumache dagli orti. In medicina ha proprietà medicamentose toniche, digestive, antinfiammatorie e vermifughe.